logo di stampa italiano
 
Sei in: Business by Business » Area Ambiente

Analisi delle attività relative all'Area Ambiente

L'Area Ambiente evidenzia un calo della marginalità come riportato nella tabella seguente:

(mln/€)31-dic-1131-dic-12Var. Ass.Var. %
Margine operativo lordo area194,2183,5-10,7-5,5%
Margine operativo lordo gruppo644,8662,0+17,2+2,7%
Peso percentuale30,1%27,7%-2,4 p.p. 

Il Gruppo Hera opera in modo integrato sul ciclo completo dei rifiuti, con una dotazione di 81 impianti di trattamento e smaltimento di rifiuti urbani e speciali gestiti dal Gruppo HERAmbiente, a cui si aggiungono i 4 gestiti dal Gruppo Marche Multiservizi. Dal mese di ottobre 2012, il Gruppo Herambiente ha acquisito la società Energonut che gestisce un impianto di termovalorizzazione sito nel comune di Pizzoli (IS).
In seguito si propone un'analisi dei risultati della gestione realizzati nell'area d'attività Ambiente:

Conto economico
(mln/€)
31-dic-11Inc.%31-dic-12Inc%Var. Ass.Var. %
Ricavi740,1 737,8 -2,3-0,3%
Costi operativi(412,7)-55,8%(409,1)-55,4%-3,6-0,9%
Costi del personale(148,4)-20,1%(153,8)-20,8%+5,4+3,6%
Costi capitalizzati15,22,1%8,61,2%-6,6-43,4%
Margine operativo lordo194,226,2%183,524,9%-10,7-5,5%

I ricavi al 31 dicembre 2012 mostrano un calo dello 0,3% rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente, passando da 740,1 a 737,8 milioni di euro. Il decremento è la somma di molteplici fattori: (i) cessazione dell'incentivo CIP6 sul termovalorizzatore FEA nella zona di Bologna (circa 18,0 milioni di euro), (ii) minori volumi di rifiuti smaltiti, (iii) maggiori ricavi da produzione energia elettrica per la piena attività del termovalorizzatore di Rimini, impianti a Biogas e l'avvio dei nuovi impianti digestori, e (iv) maggiori ricavi per i servizi di igiene ambientale per effetto dell'applicazione delle tariffe deliberate dalle autorità territoriali che convergono verso la piena copertura dei costi.

La diminuzione dei Costi capitalizzati è legata principalmente a minori lavori sugli impianti e opere tra le società del Gruppo; in particolare sono legati al completamento della costruzione dei termovalorizzatori.

Il maggior costo del personale è dovuto per l'80% all'integrazione della società MMS Falconara nel Gruppo Marche Multiservizi e per la restante parte agli incrementi retributivi per il contratto nazionale.

La raccolta differenziata, in termini di incidenza percentuale sul totale dei volumi raccolti, raggiunge al termine del 2012 il 51,6%, contro il 50,6% dell'analogo periodo del 2011.

Di seguito un'analisi dei volumi commercializzati e trattati dal Gruppo nell'esercizio 2012, rispetto allo stesso periodo del 2011:

Dati Quantitativi (migliaia di tonnellate)31-dic-11Inc.%31-dic-12Inc%Var. Ass.Var. %
Rifiuti urbani1.808,735,4%1.770,636,5%-38,1-2,1%
Rifiuti da mercato1.573,330,8%1.558,832,1%-14,5-0,9%
Rifiuti commercializzati3.382,066,2%3.329,468,6%-52,6-1,6%
Sottoprodotti impianti1.725,133,8%1.526,831,4%-198,3-11,5%
Rifiuti trattati per tipologia5.107,1100,0%4.856,2100,0%-250,9-4,9%
Discariche1.268,324,8%1.219,425,1%-48,9-3,9%
Termovalorizzatori923,018,1%955,019,7%+32,0+3,5%
Impianti di selezione e altro299,25,9%320,46,6%+21,2+7,1%
Impianti di compostaggio e stabilizzazione574,711,3%485,910,0%-88,8-15,5%
Imp. di inertizzazione e chimico-fisici815,016,0%752,415,5%-62,6-7,7%
Altri impianti1.226,924,0%1.123,223,1%-103,7-8,5%
Rifiuti trattati per impianto5.107,1100,0%4.856,2100,0%-250,9-4,9%

L'analisi dei dati quantitativi evidenzia una diminuzione dell'1,6% dei rifiuti commercializzati, dovuto sia al calo dei rifiuti urbani (-2,1%) che di quelli da mercato (-0,9%); nonostante la già citata congiuntura economica negativa, la diminuzione dei rifiuti si è attenuata, rispetto ai trimestri precedenti, per il forte impegno commerciale e il consolidamento della società Energonut. La diminuzione dei sottoprodotti da impianti è, invece, da mettere in relazione alle diverse condizioni meteo: in particolare la minore piovosità complessiva, rispetto all'analogo periodo dell'anno precedente, ha causato una minore produzione di percolato.
Per quanto riguarda i flussi di smaltimento dei rifiuti per impianto, il calo generale dei rifiuti impatta su tutte le tipologie, ad eccezione degli impianti di selezione, a seguito dell'aumento della raccolta differenziata, e dei termovalorizzatori, che beneficia del consolidamento di Energonut per 25,5 mila tonnellate.

Il Margine Operativo Lordo dell'area Ambiente è quindi in diminuzione di 10,7 milioni di euro rispetto all'esercizio precedente, passando da 194,2 milioni di euro del 31 dicembre 2011 ai 183,5 del 2012. Tale risultato è da imputare alla diminuzione dei volumi smaltiti e degli incentivi sulla produzione energia elettrica, come già evidenziato in precedenza, nonostante l'apporto della società Energonut per 6,4 milioni di euro e i migliori risultati del business Igiene Urbana per maggiori ricavi ed efficienze operative.

 
Approfondisci questo argomento sul nostro sito