logo di stampa italiano
 
Sei in: Altre info » Risorse umane e organizzazione

Risorse umane e organizzazione

La macrostruttura organizzativa

Risorse umane

Al 31 Dicembre 2012 i dipendenti del Gruppo Hera sono 6.539 (aziende consolidate), con la seguente ripartizione per qualifica: dirigenti (133), quadri (363), impiegati (3.397), operai (2.646). Tale assetto è stato determinato dai seguenti movimenti: entrate (+205), uscite        (-105). Si evidenzia inoltre che le assunzioni sono state determinate essenzialmente dal turnover qualitativo con inserimento di personale qualificato; si registra infine un andamento costante nel numero di laureati, pari al 17% sul totale dei dipendenti TI: con 1.082 laureati al 31.12.2011 (su 6.484 dipendenti TI), e 1.091 laureati al 31.12.2012.

Organizzazione

Il modello Hera si distingue nel panorama delle multiutility per aver realizzato un’integrazione industriale e operativa fondata su di una Holding che, attraverso Direzioni Centrali d’impostazione, supporto e controllo garantisce una vista integrata di Gruppo e favorisce lo sfruttamento delle sinergie, attraverso le Direzioni Generali garantisce l'indirizzo ed il coordinamento delle aree strategie di affari di competenza e attraverso le linee di Business dedicate garantisce la gestione operativa delle attività del Gruppo.

Nell’ambito della Direzione Generale Operations, tenuto conto del mutato contesto regolatorio e di mercato e al fine di migliorare ulteriormente il presidio del territorio del Gruppo è stato avviato un percorso di evoluzione del modello organizzativo (con effetti operativi dal 1° Gennaio 2013) secondo una logica per linea di business.

n tal senso sono state costituite le Direzioni Energia, Acqua e Servizi Ambientali, ciascuna focalizzata su di una specifica area strategica di affari, la Direzione Tecnica Clienti con l’intento di rappresentare una vista unitaria del servizio tecnico fornito al cliente finale e, al fine di migliorare ulteriormente il presidio del territorio, sono state costituite sette Aree Territoriali a garanzia del presidio delle relazioni con i principali Stakeholder locali attraverso un approccio maggiormente organico e proattivo.

Coerentemente all’evoluzione della Direzione Generale Operations e al fine di sviluppare un presidio delle attività maggiormente focalizzato sulle aree di business aziendali, sono state definite e realizzate le nuove configurazioni organizzative delle Direzioni Centrali, con la riallocazione gerarchica di funzioni precedentemente allocate in ambito BU-SOT e con ulteriori azioni finalizzate al rafforzamento del bilanciamento ottimale tra governance di processo e orientamento al cliente interno.

In ambito Amministrazione, Finanza e Controllo si segnalano inoltre le revisioni organizzative delle funzioni Credit Management e Controllo di Gestione, quest’ultima in particolare finalizzata a sviluppare un presidio delle attività maggiormente focalizzato sulle aree di business aziendali.

Nel 2012 si è dato seguito al percorso di miglioramento continuo all’interno del Gruppo tramite l’applicazione della metodologia di Lean Organisation su nuovi ambiti aziendali (Omologhe e Logistica in ambito Herambiente, Fatturazione e Incassi, processi operativi in ambito Reti e Ambiente).

In ambito Direzione Generale Sviluppo e Mercato, è proseguito il percorso di evoluzione organizzativa finalizzata a garantire una maggiore efficienza e standardizzazione dei processi e per migliorare ulteriormente il servizio al cliente finale (in particolare con la revisione organizzativa in ambito Mercato Famiglie).

La gestione dell'Azienda prevede due Comitati Collegiali:

Comitato di gestione: ha il compito di esaminare e condividere le politiche, le strategie e la pianificazione operativa a livello di Gruppo e di favorire l'integrazione tra le varie strutture;
Comitato di Direzione: esamina ogni tre mesi l'andamento della gestione e l'avanzamento dei progetti compresi all'interno della bilance score card;

Dalla fine del 2009 ogni Territorio si avvale, per l'attività di promozione e di sviluppo del radicamento territoriale, di un Comitato per il Territorio che prevede componenti espressione del territorio di riferimento (tra cui il Presidente stesso), ai quali si aggiunge il Direttore di competenza dell'Area Territoriale locale. Il Comitato affronta periodicamente alcune tematiche chiave quali il monitoraggio della soddisfazione dei clienti, della qualità e della sostenibilità dei servizi offerti. Ha altresì il compito di supportare il top management del Gruppo nell'interazione con gli enti pubblici e gli altri stakeholder locali.

 
Allegati